Scuola Infanzia

La scuola dell’Infanzia rappresenta, secondo il testo delle Indicazioni Nazionali 2012 la risposta al diritto all’educazione e alla cura  dei bambini dai tre ai sei anni di età, in coerenza con i principi di pluralismo culturale ed istituzionale presenti nella Costituzione della Repubblica, nella Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e nei documenti dell’Unione Europea.

Rapportandosi costantemente all’opera svolta dalle famiglie, persegue le proprie finalità attraverso l’organizzazione di un ambiente di vita, di relazioni e di apprendimento di qualità, garantito dalla professionalità dei docenti e di tutti gli operatori della scuola.

Finalità

La scuola dell’Infanzia mira, tenendo conto delle variabili esistenti nelle concrete situazioni di vita dei bambini e delle bambine di oggi,  a promuovere lo sviluppo:

  • dell’identità;
  • dell’autonomia;
  • delle competenze;
  • della cittadinanza.

I Campi di esperienza

          I docenti che rappresentano quell’indispensabile  fattore di qualità per la costruzione di un ambiente educativo accogliente, sicuro,  ben organizzato capace di suscitare la fiducia dei genitori e della comunità progettano il  loro percorso educativo “accogliendo, valorizzando ed estendendo la curiosità, le esplorazioni  e le proposte dei bambini, creando occasioni di apprendimento partendo dalle loro esperienze dirette.

I 5 Campi di esperienza  offrono, unitamente ai traguardi per lo sviluppo della competenza, quell’insieme di oggetti situazioni, immagini e linguaggi, capaci di evocare, stimolare, accompagnare apprendimenti progressivamente più sicuri e promuovere una competenza che nei bambini della Scuola dell’Infanzia va intesa in modo globale e unitario.

La commissione per il coordinamento dei cinque Campi d’esperienza  elabora  un Piano di lavoro annuale ed Unità di apprendimento mensili che mirano alle competenze attraverso le conoscenze e le abilità.

       E’ garantito l’insegnamento della lingua straniera (inglese) agli alunni di 4 e 5 anni, in una linea di continuità con i pregressi anni, attraverso il progetto “Lingua 2000”

Organizzazione delle attività

        La scuola si organizza per accogliere anche i bambini che compiono i 3 anni entro il 30 aprile 2015, nel rispetto dell’anticipo scolastico previsto dal D.P.R. 20/3/2009 n. 89.

Il bambino è posto al centro dell’azione educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, etici, spirituali, religiosi. Pertanto, la nostra scuola si impegna ad essere: ambiente accogliente, rete di relazione, luogo di condivisione, luogo di responsabilità, luogo di esplorazione, luogo di consapevolezza Nella piena libertà organizzativa le attività stesse verranno scelte con modalità diverse, allo scopo di rendere più efficace il progetto educativo, anche in relazione ai diversi ritmi, tempi e stili di apprendimento,  al carattere, alle motivazioni e agli interessi dei bambini.

Saranno pertanto organizzate:

  • attività laboratoriali in sezione;
  • attività di sezione;
  • attività di piccoli e grandi gruppi   di età omogenea in sezione;
  • attività di piccoli e grandi gruppi   di età eterogenea in sezione ed intersezione;
  • Uscite didattiche nell’ambito del Comune di appartenenza e del territorio dell’ Istituto Comprensivo.

Orario

       L’orario delle insegnanti è di 25 ore settimanali di servizio con 2 ore giornaliere di compresenza, dalle 11.00 alle 13.00, ed articolazione delle lezioni in non meno di cinque giorni settimanali nel rispetto del monte ore annuale.

La programmazione si attua con cadenza mensile, collegialmente.

Tenendo conto del Regolamento di riordino della scuola dell’Infanzia, il D.P.R. n. 89 del 20/3/09, art. 2, l’orario degli alunni è di otto ore giornaliere, ossia 40 ore settimanali. Tali orari sono comprensivi della quota riservata all’insegnamento della religione cattolica in conformità all’Accordo che apporta modifiche al Concordato lateranense  e relativo Protocollo Addizionale, reso esecutivo con legge 25/3/85, n. 121, ed alle conseguenti intese.

Dati e  Attività/Progetti curriculari sono riportati nel POF 2017 – 2018

-